Parete divisoria attrezzata a contenitore

La parete divisoria attrezzata a contenitore “quadra®” è proposta in tre profondità diverse: 366, 462 e 600 mm, e con due tipologie di ante: cieche o in vetro intelaiato.
La parete è costituita da una struttura portante in pannelli a base di particelle di legno (truciolare), spessore 22 mm, nobilitati su entrambe le facce con carta melamminica e rifiniti perimetralmente con bordi in PVC a doppio palloncino(standard grigio Ral 9006); che permettono una perfetta battuta delle ante, evitando l’infiltrazione di polveri ed aumentando le prestazioni acustiche. I pannelli, sia verticali che orizzontali, sono fissati tra loro con giunzioni ad incastro in metallo.
Il sistema prevede configurazioni con: ante ad altezza di vano, ante doppie, ante e cassetti, ante e vani a giorno. Le ante e gli schienali, spessore 18 mm, possono essere sia ciechi; in legno nobilitato o laccato, sia in cristallo trasparente o acidato con telaio in profili estrusi di alluminio 6060 UNI 9006/1, forniti di serie in finitura anodizzata argento e, a richiesta, in altri colori. I profili di serie sono proposti in soluzione a vetro centrale(quadra® v) o a filo esterno(quadra® s). Le cerniere sono disponibili con apertura a 110° o 180°. Di serie vengono fornite: maniglie senza serratura, maniglie con serratura ad aste rotanti, maniglie con serratura integrata, pomoli con serratura ad aste rotanti. La base strutturale inferiore può essere con o senza zoccolo estraibile, per accesso al vano tecnico per alloggiamento degli eventuali cablaggi.
All’interno possono essere installati piani in nobilitato o metallo regolabili in altezza grazie a reggipiani da posizionare in apposite forature verticali a passo 32 mm. Gli interni possono essere attrezzati con telai porta cartelle, aste appendiabiti ed accessori a richiesta.

Parete divisoria attrezzata a contenitore

Flessibilità d’impiego:

la parete quadra®, di natura strettamente modulare, consente di modificare agevolmente la propria configurazione spaziale rispetto a quella originaria.
Coordinamento dimensionale: la parete si basa su elementi strettamente modulari predeterminati e coordinati, finalizzati alla chiusura dei vani in multipli e sottomultipli standard. Il contatto con le strutture d’ambito è assicurato unicamente da elementi di aggiustaggio a misura, non aventi funzione contenitiva.

Montaggio:

la sequenza è la seguente: montaggio dei fianchi strutturali, delle basi e dei “top”, livellamento tramite i piedini regolabili posti sotto ai fianchi, inserimento degli schienali; ciechi o vetrati, montaggio delle ante. Il fissaggio dei pannelli strutturali avviene a carico di elementi di giunzione a scatto in metallo, i pannelli di contatto con le pareti sono fissati con viti e tasselli o, su richiesta, mediante collanti speciali, per evitare di praticare fori su muri d’ambito, pavimenti e soffitti di pregio. Il cablaggio ed altri accessori di impianti elettrici, telefonici, informatici, ed eventualmente tubazioni di altri impianti, è perfettamente contenibile all’interno nei vani tecnici localizzati nella base e nel “top” del contenitore.

Intercambiabilità degli elementi:

è possibile cambiare il tipo e l’orientamento delle ante e degli schienali senza intervenire sui pannelli strutturali intermedi o a parete e senza che ciò comporti danneggiamento o degrado dei componenti smontati e a quelli ad essi adiacenti.

Integrabilità:

la parete contenitore può essere perfettamente integrata con le pareti unica® e metrica®.

Adattabilità dimensionale:

l’intero sistema permette di eseguire operazioni di livellamento orizzontale da 0 a +25 mm.

Variabilità tipologica:

la parete è stata studiata per consentire allestimenti adatti a soddisfare le esigenze estetiche e funzionali connesse con i più moderni criteri progettuali riguardanti gli spazi di lavoro.

Componibilità:

gli schemi distributivi e compositivi richiesti possono essere soddisfatti mediante sistemi di giunzione stabili e solidi che permettono connessioni, ad angolo retto o ad angolo variabile: a) in linea(a 1 via), b) ad “L” (a 2 vie), c) a “T” (a 3 vie), d) A “X” (a 4 vie).

Ricollocabilità e recuperabilità:

le operazioni di montaggio e smontaggio in altro luogo possono essere eseguite senza danneggiamento o degrado dei componenti, utilizzando lo stesso sistema di fissaggio originario. Il grado di recuperabilità dei componenti, varia a seconda delle caratteristiche degli spazi nei quali verrà rimontata la parete.
Manutenibilità: la parete, essendo costituita da superfici in vetro, pannelli a base di legno nobilitati e struttura in alluminio anodizzato, è lavabile con detersivi liquidi neutri di uso comune.